Firenze Magnifica

Florence 1 (Italian: Firenze) is the capital of the region of Tuscany in Italy , with a population of about 366,500. The city is taken into account a cultural, creative and architectural gem.firenze

The cathedral, topped by Brunelleschi’s dome, dominates the Florentine skyline. The Florentines decided to start out constructing it – late within the thirteenth century, with out a design for the dome. The mission proposed by Brunelleschi in the 14th century was the biggest ever built on the time, and the primary main dome in-built Europe since the two great domes of Roman times – the Pantheon in Rome, and Hagia Sophia in Constantinople The dome of Santa Maria del Fiore remains the most important brick building of its type on the earth. fifty six 57 In front of it is the medieval Baptistery. The two buildings incorporate of their decoration the transition from the Center Ages to the Renaissance. Lately, most of the important artworks from the two buildings – and from the nearby Giotto’s Campanile , have been eliminated and replaced by copies. The originals are now housed in the Museum dell’Opera del Duomo, simply to the east of the Cathedral.

Film Spray è un Competition Internazionale dedicato a cortometraggi di durata compresa fra i 30 ed i ninety secondi, accompagnati dalla sola musica. Organizzato dall’Istituto Lorenzo De’ Medici ed ecoFrames, in collaborazione con Rai Com, Rai Cinema, Fedic, Quelli della Compagnia e Quartiere 1 di Firenze, il Festival è caratterizzato dall’assenza di dialoghi di altre forme di comunicazione verbale nei prodotti audiovisivi, rendendo i cortometraggi comprensibili in tutto il mondo e di facile interpretazione, senza limiti di età, cultura estrazione sociale.

Vincitore della Menzione Speciale Mario Garriba” (premio ottenuto dalla somma della votazioni ottenute nelle carceri, nei centri per migranti, centri giovanili e per anziani) il grossetano Lorenzo Santoni con Ricchi di Cultura”, a consegnare il premio il Presidente del Festival Fabrizio Guarducci; il video racconta le peripezie di un ladro quando aprendo i portafogli, rubati dai turisti di tutto il mondo, scopre valute numerous fino ad arrivare a quello di un italiano, ricco solo di cartoline raffiguranti i capolavori architettonici del nostro paese.

Credo inoltre che non sia un errore” (cit) aprire a nuove teorie e argomenti di discussione. L’apertura a nuove possibilità non dovrebbe allontanare gli accademici, che a quanto pare stanno sempre lontani intervengono solo se ne hanno un beneficio di immagine di danaro” (cit); si tratta di una brutta considerazione di coloro che, al contrario, potrebbero essere utilissimi (direi fondamentali) al confronto e che sono certo essere disponibili advert interloquire con tutti per dare il loro contributo a migliorare ogni aspetto della Rievocazione Storica. Non commetteremo altri errori, sempre che quelli commessi nel passato non siano stati uno stimolo per migliorare. Un grande errore sarebbe quello di chiudere dentro un recinto di norme e paletti il meraviglioso mondo della Rievocazione Storica.

E’ terra di Toscana questa, ma con contaminazioni (soprattutto in cucina) con la vicina Romagna, e scegliere di dormire in un piccolo paese, in un contesto non strettamente turistico, permette di vivere la vacanza in modo più genuino senza dimenticare di essere a due passi da una realtà artistica da dieci e lode come quella di Firenze, alla quale siamo orgogliosi di appartenere.

Passiamo ora oltrarno e vediamo le mura che dal torrino di S. Rosa vanno alla Porta a S. Frediano e di lì, munite degli antichi bastioni, alla Porta Romana Da questa alla torre del Mascherino, le mura furono abbattute per comodo delle scuderie reali. Dalla torre del Mascherino esse salgono fino all’ altezza della fortezza di Belvedere presso la quale è la Porta a S. Giorgio da dove munite di alte torri e di barbacani discendono fino alla Porta a S. Miniato I grandi lavori per la costruzione del giardino a rampe che dal piazzale dell’antica Porta a S. Niccolo si estende su tutta la pendice dei colle fino a S. Miniato, necessitarono la demolizione del seguito delle mura ed ora la cinta in un nuovo tratto, lasciando aperta una barriera nel centro della rampata, chiude il popoloso borgo esterno di S. Niccolo e giunge fino al Ponte di Ferro dov’ è la nuova barriera di S. Niccolò.